OCCORRE UNA MESSA IN SICUREZZA DEL MONTE SAN MICHELE

mercoledì 22 febbraio 2012 at 5:32 pm Lascia un commento

Abbiamo raccolto per Realtà Sannita l’opinione del geologo Giancarlo Boscaino, in merito ai rischi legati al Monte Caruso, popolarmente chiamato S.Michele.

Dott. Boscaino l’approfondita analisi geomorfologica e geomeccanica del versante meridionale del Monte San Michele, effettuata in collaborazione con il geol. Modestino Boscaino e con l’ing. Lorenzo Pietromartire, ha riportato l’attenzione sul tema della prevenzione . Allo stato attuale dai rilevi effettuati quali sono i rischi incombenti?
I rischi presenti per alcune frazioni, mi riferisco in particolare alle frazioni Leschito, Palazzo e Barassano, sono dovuti all’elevata probabilità che il versante meridionale ed occidentale del monte San Michele possano essere interessati da fenomeni di crollo. Questi fenomeni presentano un’elevata pericolosità causata dall’alta energia cinetica coinvolta e dai tempi di evoluzione estremamente rapidi, dell’ordine dei secondi per intenderci. Dopo il primo impatto i blocchi, se le condizioni lo consentono, possono continuare il movimento a salti e rimbalzi o rotolando lungo il versante. Inoltre i materiali che si accumulano lungo il pendio possono essere coinvolti in successivi movimenti gravitativi. Da tutto ciò discende un elevato rischio per gli abitati.

Perché lo studio si è concentrato in particolare sul versante meridionale?
Lo studio, effettuato per volontà dell’Amministrazione comunale, si è sviluppato in due fasi: una fase preliminare conoscitiva finalizzata ad individuare le aree a suscettibilità da frana e le aree a priorità d’intervento sia del versante meridionale, che incombe sulle frazioni Palazzo e Barassano sia di quello occidentale a monte della frazione Leschito. Una seconda fase ha poi preso in considerazione le aree prive di opere di protezione, il versante meridionale appunto, dove, tra l’altro, sono state approfondite le conoscenze geomorfologiche e geomeccaniche e dove per la prima volta è stata effettuata un’analisi cinematica che consiste nel valutare alcune grandezze fisiche come le altezze di saltellamento dei massi, le energie e le velocità in gioco, lungo piste di discesa ipotizzate.

In che modo sono stati condotti i rilevi geologici, geomorfologici e geomeccanici, per riscontrare la pericolosità degli ammassi rocciosi?
Sono stati utilizzati i criteri e i metodi classici. Si è partiti da un rilevamento geologico-geomorfologico di dettaglio per poi effettuare una classificazione geomeccanica delle pareti rocciose analizzate. A titolo esemplificativo posso dire che dall’analisi geologica-geomorfologica e geomeccanica è stato possibile sia tracciare le potenziali piste di discesa dei blocchi sia ipotizzare le dimensioni dei blocchi che possono staccarsi da fronti rocciosi.

Quali sono le aree di maggiore suscettibilità di frana, suddivise dall’accurato studio in cinque settori?
Le zone sono state distinte in aree a suscettibilità elevata all’innesco da frane, aree a suscettibilità elevata al transito e/o invasione da frana e a suscettibilità media relativamente all’innesco e aree a suscettibilità elevata al transito e/o invasione da frana. Le valutazioni sulla suscettibilità all’innesco di frane ha consentito di distinguere 5 settori a diversa priorità d’intervento. Per tre settori, in considerazione della elevata suscettibilità a franare dei versanti e della sovrapposizione di queste aree con il perimetro urbano, discende una priorità d’intervento molto alta. Come già detto queste aree sono quelle dove ricadono le frazioni di Leschito, Palazzo e Barassano.

Per la complessità dei fenomeni studiati quali sono le possibili soluzioni e le procedure d’intervento prospettate, al fine di consentire un sufficiente livello di sicurezza per l’incolumità dei foglianesari?
Sarà necessario sia realizzare interventi di mitigazione del rischio sia attivare una serie di procedure che sono state indicate in un “Piano Proceduralizzato per la gestione del rischio da frana” dedicato alla gestione del rischio frana del Monte San Michele. Nel Piano sono indicate un insieme di procedure operative, gestionali e comportamentali individuate sulla base di tutti gli studi effettuati. Il piano prevede inoltre azioni congiunte di monitoraggio e di difesa. In questo modo, a nostro giudizio, si potrà raggiungere un sufficiente livello di sicurezza per gli abitati.

Annunci

Entry filed under: Realtà Sannita.

NOMADINCONTRO. XX TRIBUTO AD AUGUSTO IL GRANDE EVENTO DEL NUOVO ANNO: IL PRESEPE NEL PRESEPE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Sito web segnalato

 

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del blog

  • 60,073 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: