L’ASSOCIAZIONE MANI TESE MORCONE: UN PONTE DI SOLIDARIETA’ PER LA REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

mercoledì 22 febbraio 2012 at 6:05 pm Lascia un commento

Il presidente dell’Associazione Mani Tese Morcone, l’ins. Franca Maselli ripercorre l’istituzione del sodalizio, illustra i progetti realizzati. Ha rilasciato un’intervista al quindicinale Realtà Sannita per tracciare un bilancio delle attività svolte al servizio degli ultimi e degli emarginati.

Presidente Maselli dal 2006 si è costituita l’Associazione Mani Tese Morcone, per sovvenire le necessità materiali e morali del Congo. Quali sono state le motivazioni che hanno spinto un gruppo di amici ad istituire l’eminente sodalizio?
Nel 2006 era parroco di Morcone don Gaetano Papa Kilumba, originario di Bagira, città di Bukavu nella Repubblica Democratica del Congo. Attraverso i suoi racconti, esposti con pudore ed umiltà, conoscemmo una realtà lontana, dalle mille sfaccettature che ci presentava un territorio dal sottosuolo ricco, caratterizzato, però, da una povertà che imponeva alle fasce più deboli della popolazione una vita ai limiti della sopravvivenza. Fummo così profondamente colpiti dalle violenze e dalle privazioni che soprattutto i bambini e le donne erano costretti a subire, che fu del tutto naturale cercare di trovare un modo per aiutare quelle popolazioni, lo sentivamo come un dovere che scaturiva dal nostro essere “uomini”. Un piccolissimo gruppo di persone, che solo nel 2009, si è dato un regolamento ed uno statuto, cominciò a pensare quale fosse il modo migliore per aiutare quelle donne e quei bambini, che non erano più entità astratte, ma avevano un nome, degli affetti, delle speranze, dei sogni infranti, quando non dovevano combattere con la fame e le malattie. Siamo tuttora i convinti che finché saremo in grado di indignarci, di stupirci e di non restare indifferenti alle sorti degli altri, si può lavorare ad un mondo più giusto.

Quali sono state le importanti iniziative promosse in questi anni a sostegno di situazioni reali di bisogno nel terzo mondo?
Nel corso di questi anni il nostro primo impegno è stato quello di far conoscere le conseguenze di oltre un decennio di guerra, sfruttamento e violenze e per questo abbiamo utilizzato ogni iniziativa per parlarne e coinvolgere nel nostro progetto di solidarietà quanta più gente fosse possibile. Abbiamo organizzato cene, mercatini, un campo scuola, concerti, spettacoli e conferenze. Oggi, con nostra grande soddisfazione, sono tanti coloro che si propongono spontaneamente per aiutarci. Conoscono meglio i nostri progetti e a chi sono destinati, conoscono il nostro operato e il nostro impegno e così organizzano delle cene, ci invitano ai loro eventi, mettono a disposizione il loro tempo o le loro competenze e professionalità. Sono enti comunali, parrocchie, associazioni sportive e culturali, ma anche singoli cittadini.

Che significa tendere le mani oggi in un mondo che cambia con i ritmi incalzanti della globalizzazione?
Un mondo che cambia e si evolve dovrebbe rappresentare per tutti la grande occasione di sviluppo economico e sociale. Dovrebbero essere globalizzati i diritti ancor prima delle ricchezze e la globalizzazione, dovrebbe essere la porta d’ingresso attraverso la quale devono passare i principi di libertà, giustizia ed uguaglianza. Ciò non è scontato che avvenga; si ha l’impressione, invece, che il globale in qualche modo spaventi e porti ad una forma di isolamento, come se l’essere soli ci possa difendere dall’altro. C’è bisogno, a mio avviso, di sentirci sempre più partecipi del cambiamento, di guidarlo, di intervenire nelle situazioni di abuso o prevaricazione, di condividere le difficoltà degli altri e di impegnarci, ognuno per quello che sa fare, affinché una vita dignitosa sia garantita a tutti. La globalizzazione ha un grande merito: permette di conoscere e la conoscenza non permette più di vivere come normalità la morte per denutrizione, la violenza su una donna, la paura di esprimere le proprie idee, l’imbracciare un fucile quando, invece, si dovrebbe frequentare la scuola. Questa è la mia idea di tendere la mano!

Quali sono stati i progetti elaborati e sostenuti dall’Associazione Mani Tese Morcone?
Non abbiamo mai avuto l’illusione che potessimo risolvere tutti i problemi di Bukavu, ma siamo stati sempre consapevoli, sostenuti in questa idea anche dalle suore con cui collaboriamo in loco, che uno dei più grossi problemi da affrontare fosse la scolarizzazione dei bambini. La loro istruzione e la loro formazione umana rappresenta la grande speranza per un terzo mondo libero di decidere delle proprie sorti, in grado di fare scelte non più dettate dal bisogno immediato, ma dalla capacità di progettare un futuro basato sulla garanzia dei diritti. Così ci siamo impegnati affinché potesse essere garantita a circa 130 allievi la frequenza scolastica (che in Congo non è gratuita) anche se da un’ultima relazione, che bisogna ancora dettagliatamente analizzare, sembra che il numero sia aumentato. Abbiamo permesso un’adozione scolastica individuale di 14 studenti da parte di altrettante famiglie e il 25 settembre 2011 per la prima volta dei bambini orfani sono entrati nelle aule della scuola materna di Katana (a pochi chilometri di distanza da Bukavu), realizzata con i proventi che l’associazione Mani Tese Morcone ha raccolto. Una scuola che permette a dei bambini, ai quali la sorte ha già tolto tutto, di ritrovare, anche se lentamente, il sorriso. Le altre grandi vittime di questa terra sono le donne; spesso sole, violentate, impossibilitate a provvedere alla sussistenza dei propri figli. L’associazione ha voluto destinare ad un gruppo di vedove una somma di denaro affinché potessero rendersi autonome economicamente e garantire un pasto quotidiano ai loro figli attraverso l’avvio di piccoli commerci ambulanti. Le somme ricevute attraverso questa forma di microcredito, vengono restituite, nel limite del possibile e quando le attività lavorative lo consentono, alle suore che le destinano ad altre donne. Sono stati avviati, inoltre, un allevamento di conigli e una sartoria che ora ospita una ragazza madre e il suo bellissimo bimbo.

Le istituzioni locali ed i cittadini sono sensibili a condividere le finalità enucleate nello statuto per attraversare idealmente le barriere geografiche che separano Morcone dal Congo, offrendo impegno e proventi?
All’associazione Mani Tese Morcone nel tempo non è mancato il sostegno delle istituzioni locali, dei cittadini e di altre comunità della provincia di Benevento. Abbiamo lavorato tanto perché tutti condividessero le nostre finalità che ci hanno portato ad un impegno anche sul nostro territorio, per affrontare situazioni di emergenza o disagio economico. Il volontariato, la solidarietà, il rispetto delle umane sofferenze travalicano i confini e possono abbattere le barriere visibili o invisibili che l’uomo continua ad erigere.

Annunci

Entry filed under: Realtà Sannita.

IL GRANDE EVENTO DEL NUOVO ANNO: IL PRESEPE NEL PRESEPE UN NUOVO LOCALE NEL CUORE DEL CENTRO STORICO DI BARASSANO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Sito web segnalato

 

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del blog

  • 60,073 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: