TOCCO CAUDIO: PARTE LA RINASCITA DEL BORGO ANTICO

domenica 4 febbraio 2007 at 4:33 pm 2 commenti

Per la valorizzazione del suggestivo centro storico di Tocco Caudio (BN), abbandonato dopo i terremoti del 1962 e del 1980, gli ingegneri A. Riviezzo, G. D’Agostino e L. Cristino, insieme all’architetto F. Gisoldi, hanno elaborato un progetto, volto al recupero della chiesa di San Vincenzo, di cui le prime notizie risalgono al 1094.
L’opera rientra in un piano di ripristino delle aree ed degli immobili storici, denominato “I geni della Musica”, che punta sull’idea forza di realizzare audioteche multimediali, nel cuore pulsante del meraviglioso centro antico, affinchè questo ritorni ad essere fruibile e funzionale alla comunità e acquisisca di nuovo il suo antico splendore.
Il progetto va ad interessare un’area caratterizzata da un paesaggio agricolo – collinare, ubicata in un contesto montano, alle falde del Parco Taburno – Camposauro. Per tale motivo, l’Amministrazione di Tocco Caudio, committente di questa iniziativa, ha effettuato un’attenta analisi della realtà territoriale, con un piano operativo d’intervento, intendendo così eliminare eventuali condizioni di inibizione dell’attrattività, con il fine di accelerare il processo di sviluppo del paese.
I tecnici hanno predisposto gli insediamenti preesistenti, di notevole interesse storico, nella zona “C”, l’area di riqualificazione dei centri abitati di promozione per lo sviluppo economico e sociale, ricadente nel Piano Territoriale Paesistico-Ambientale, finalizzato al recupero urbanistico-edilizio.
Il ripristino della chiesa di San Vincenzo e la sistemazione della piazza adiacente, con il recupero del percorso di accesso dal lato sud, è il segno inequivocabile di una rinascita interiore della comunità tocchese, vittima, più volte nella sua storia, della dirompente forza della natura.
Gli interventi previsti dal progetto esecutivo sono i seguenti: rifacimento della copertura con sistemazione di un manto di tegole in coppi di argilla con utilizzo di lattonerie in rame, restauro delle decorazioni della facciata, pulitura delle murature di tufo a vista, recupero dell’interno della chiesa. Intorno al sacro tempio, è previsto il rifacimento dell’area attraverso la realizzazione della pavimentazione della piazzetta, con cubetti di pietra anticata con basoli, il recupero dell’acciottolato esistente, risalente all’epoca medievale, l’installazione di ringhiere in ferro battuto, lampioni in ghisa di tipo tradizionale e panchine.
L’accordo di programma, sottoscritto tra la Provincia di Benevento ed il Comune di Tocco Caudio, il 28-10-2004, inerente la messa in sicurezza del costone tufaceo, nonché la predisposizione del progetto di fattibilità, al fine di rendere l’antico centro abitato, fruibile alle rinnovate esigenze della popolazione, si concretizza oggi con la ricostruzione dell’identità del tessuto sociale.
L’iniziativa, intrapresa dall’Amministrazione Comunale, in sinergia con i tecnici-progettisti, non ha, quindi, solo l’intento di valorizzare il carattere storico dell’abitato, ma di porre anche delle basi per lo sviluppo della comunità. L’opera sarà rivolta, in particolar modo, ai giovani in quanto, come detto in precedenza, sarà realizzato in futuro l’Archivio Vivente della Cultura Musicale Popolare, con audioteche multimediali, sale di concerto, laboratori per la produzione musicale, aule destinate alla didattica, spazi per gli eventi di particolare richiamo per la Valle Vitulanese.
La scelta di puntare sulla musica, per la rinascita di Tocco Caudio, si collega alla storia di questa cittadina, visto che tra i suoi illustri figli, merita un ruolo preminente Nicola Sala, nato il 7 Aprile 1713 e morto in Napoli il 31 Agosto 1801. Egli è noto per le sue sublimi composizioni e per le sue eccelse qualità di pedagogo. Ha scritto composizioni di musica profana, sacra; inoltre, i suoi trattati musicali sono stati studiati dagli allievi dei conservatori.

Annunci

Entry filed under: Realtà Sannita.

LA MARRA: “IL PRESEPE NEL PRESEPE CRESCE E SI AFFERMA MA PROVINCIA E REGIONE CI IGNORANO” NELLA CHIESA DI S.ANNA IL CONCERTO “MOZART DAS KONZERT”

2 commenti Add your own

  • 1. emigrante tocchese  |  sabato 10 febbraio 2007 alle 11:03 am

    Mi fa piacere che qualcuno parli della mia tanto amata Tocco Caudio. Stando lontano è difficile venire a conoscenza dei fatti che avvengono in questo paesino.
    In questo caso si parla anche di qualcosa di positivo. Spero tanto che non sia un altro spreco di denaro pubblico e che veramente in futuro possa risorgere il borgo antico.

    Rispondi
  • 2. Luigi Crovati  |  lunedì 12 febbraio 2007 alle 6:20 pm

    Il centro storico, specialmente per i piccoli pesei che non hanno molte risorse da sfuttare per far decollare l’economia, è un bene prezioso da tutelare. Non conosco lo stato del borgo antico di questa cittadina, Tocco Caudio, ma se sarà possibile recuperarlo sarà sicuramente positivo per il paese.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Subscribe to the comments via RSS Feed


Calendario

febbraio: 2007
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

Sito web segnalato

 

Articoli Recenti

Archivi

Statistiche del blog

  • 61.200 visite

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: